Universi mito-drammatici

Disegno AT9 – Test antropologico a 9 elementi, disegno di Orazio Ardini, Ateliers dell’Immaginario Autobiografico (2011)

La scrittura autobiografica procede attraverso una grammatica dell’immaginario rivelando, nel movimento della scrittura di sé, una coscienza mitica della dualità degli universi dell’immaginario umano che ordinano la comunicazione tra universi esistenziali e simbolici. Da tempo rifletto e lavoro su questo tema associando il test antropologico a 9 elementi, ideato da Yves Durand partendo dalla teoria delle strutture antropologiche di Gilbert Durand, alla pratica della scrittura autobiografica.

La creazione grafica e quella testuale permettono di esplorare l’immaginario, facendone l’esperienza in modo più consapevole attraverso questo esercizio, esplorandolo ulteriormente nella creazione autobiografica intesa come spazio profondo di comprensione di sé e del mondo. Uno spazio di ricerca e di cerca del senso, del tutto e della vita, che attiva le rappresentazioni mitiche di sé e del mondo rispetto a differenti prospettive esistenziali e simboliche. Di seguito presento una sintesi degli universi mitici presenti nel racconto esistenziale di un percorso biografico e la comprensione simbolica della propria esistenza.

Universo mitico eroico

Un universo definito da elementi narrativi che danno vita a una drammatizzazione eroica che afferma il protagonista del racconto come essere umano in grado di tenere a distanza, di respingere e opporsi a una rappresentazione della propria esperienza o della vita che metta in causa la sua integrità personale, i suoi ideali, valori e convinzioni.

Universo mitico mistico

Un universo definito da elementi narrativi caratterizzati dalla ricerca di una vita serena, organizzata da quelle condizioni che sono in grado di provvedere a proteggere e conservare un ambiente di vita che sostiene un’esistenza benefica.

Doppio universo esistenziale diacronico

La transizione tra le due polarità, quella eroica e quella mistica, narra un percorso biografico temporale lineare o di andata e ritorno da una polarità verso l’altra, mettendo in sequenza e facendo procedere il racconto da una condizione esistenziale verso l’altra o vice-versa.

Doppio universo esistenziale sincronico

La narrazione non procede su un asse temporale, riproducendo una reiterazione o una duplicazione degli elementi narrativi che assurgono come rappresentanti di una coppia di personaggi, complementari o simmetrici. Un universo definito dalla partecipazione simultanea alle polarità eroica e mistica e da un agire sincronico, o piuttosto, un universo determinato da una scissione che accomuna rispetto al progetto esistenziale collegato rispettivamente a una polarità eroica e mistica.

Universo sintetico simbolico diacronico

Una rappresentazione simbolica dell’esistenza definita da una narrazione diacronica che si evolve nel racconto di un percorso biografico: a volte per fasi successive, delimitando un agire sollecitato da un valore attrattivo o repulsivo rispetto a una dimensione estetica, etica o esistenziale; a volte riproducendo un modello ciclico delle tappe della vita.

Universo sintetico simbolico sincronico

Uno schema drammatico che attua simultaneamente le polarità eroica e mistica, dove la narrazione di un percorso biografico rivela una presa di coscienza del carattere duale del mondo.

Sociologo e ricercatore indipendente, direttore scientifico di [email protected]@ Rivista internazionale di scienze umane e sociali, dirige gli Ateliers dell’immaginario autobiografico dell’OdV Le stelle in tasca, dottore di ricerca in Sociologia Università Paul Valéry Montpellier, laureato in Sociologia all’Università della Sorbona Paris V.

Lascia un commento

*